sabato 7 marzo 2009

Lo specchio


Ieri notte, fissandomi allo specchio, mi sono resa conto di non sapere chi fossi. Osservavo le sfumature dei miei occhi e non vedevo la luce che, di solito, li faceva spendere.
Ho avuto paura. Paura di essermi persa, paura di non potermi ritrovare.

Ho continuato a guardarmi, scivolando con le dita sul profilo e mi è parso di avere di fronte un’estranea.
Serrando le palpebre, ho provato a catturare l’energia perduta per riportare a galla la forza.
E giù, nel profondo, ho scorto una fiammella. Era tenue e sembrava stesse morendo. Avrei voluto chiederle di divenire talmente forte da accecarmi, avrei voluto gridare che ne avevo bisogno per risalire le rapide.
Nel marasma dei pensieri, ho desiderato d’esser morta.
Probabilmente, ero già morta. Era morta la persona con quella "luce negli occhi che non vedevo".
Era giusto che accadesse? Era giusto perdere me stessa?
Ho preso un lungo respiro e ho deciso di rinascere dalle mie ceneri. Ho deciso di solcare ancora questo mondo, anche se fa male. Ma come qualcuno sempre mi dice: è dal dolore che trai la forza.
Così, ho spalancato le palpebre e mi è parso di vedere una minuscola pira, tra l’azzurro e i fili dorati. Ancora poco brillante, ma c’era.
E aveva voglia di ritornare ad essere infuocata.
(Elena)

5 commenti:

  1. C'è sempre una piccola brace sotto la cenere. E' la cenere che le allunga la vita. Basta non disperdere la cenere.....gli aborigeni erano usi trasportarsi un piccolo tizzone acceso per poter riaccendere il fuoco nel nuovo campo....non è difficile. tutti possono farlo.
    Un abbraccio
    Sergio

    RispondiElimina
  2. Ciao Elena anche a me qualche volte osservandomi mi pare di vedere uno sconosciuto Impressione frutto delle numerose divisioni di me stesso avvenute nel corso di molte vite.Pier

    RispondiElimina
  3. credo ke qundo le cose vanno x il verso giusto nn abbiamo neanke il tempo di guardarci allo spekkio.....
    contrariamente spekkiandoci cerkiamo di trovare un xkè dei ns comportamenti,delle ns sconfitte,dei ns errori.E' come se kiedessimo ad uno spekkio magico cosa fare e come cambiare la nostra esistenza,cercando di veder riflesso un sorriso ke ci rassereni
    spesso purtroppo nn è così..........
    Lella

    RispondiElimina
  4. se raggi di luna colpivano lo specchio probabilmente stavi per essere catturata da un sogno, per questo non ti trovavi.
    Il rischio è che la tua anima si trasformi in strega

    RispondiElimina
  5. E se già lo fosse, anima di strega?

    RispondiElimina